A cosa serve - Neurobica

Vai ai contenuti

Menu principale:

A cosa serve

CAMBIARE > NeuroCounseling

Il NeuroCounseling del senso della vita ad indirizzo simbolico con approccio alla soluzione è una forma di counseling breve dove, con massimo 5 incontri si risolvono situazioni difficili.

Si leggono gli aspetti simbolici del disagio sia esso fisico (psicosomatica) o emozionale e, attraverso domande e riformulazioni, le persone ottengono, nel breve, risultati enormi.


Su cosa? Il NeuroCounseling del senso della vita simbolico breve è utile per:

  • superare e comprendere un dolore,

  • uscire dalla ripetizione delle situazioni della vita,

  • liberarsi dalle abitudini autosabotanti.


In più risulta essere proficuo per superare gli stati emozionali distruttivi come:

  • l’insicurezza,

  • la mancanza di autostima,

  • la rabbia;

  • Difficoltà nel prendere decisioni

  • Difficoltà nel gestire la responsabilità, Identificare le proprie esigenze e operare scelte adeguate .

  • Difficoltà di appartenenza sociale, legate alla propria vita privata personale  e/o professionale.

  • Difficoltà relazionali in ogni cornice esistenziale sia essa personale (con se stessi, con la famiglia, in coppia) che professionale (lavoro) e disagi esistenziali legati a queste difficoltà.

  • Difficoltà insorte a seguito di cambiamenti improvvisi e inattesi tanto da turbare l'animo creando disarmonia e ansia.


I risultati concreti e misurabili nella vita quotidiana e un diffuso senso di costante benessere psicofisico dimostra l’ efficacia dell’ intervento neurobico e di come, per i risultati immediati che produce, può essere utile per riuscire a raggiungere la soluzione al disagio affrontato nell'arco di tempo di cinque - massimo -  sette incontri attivando un processo di trasformazione rivoluzionario del più grande cambiamento possibile: il destino

Il vero lavoro è accompagnare verso il benessere nelle sfere fisica, mentale ed emozionale chiunque lo desideri. Per farlo si utilizzano processi verbali per facilitare la comprensione e la trasmutazione delle emozioni
deprogrammando così le memorie auto sabotanti.



Torna ai contenuti | Torna al menu